Dal piatto al terriccio.

“Dal piatto al terriccio” è un progetto di economia circolare promosso da Il Giardinone Cooperativa Sociale e sostenuto da Fondazione Cariplo che prevede il coinvolgimento delle istituzioni locali, cittadinanza e enti privati nello sviluppo e nella diffusione della prassi innovativa del compostaggio di comunità all’interno del Comune di Locate Triulzi.

DAL PIATTO AL TERRICCIO IL GIARDINONE

Il progetto in breve.

Dopo un’attività di formazione sulle tematiche ambientali e sul funzionamento del progetto con tutti i soggetti coinvolti, all’interno della scuola primaria comunale Don Milani di Locate Triulzi verrà installata una compostiera, che trasformerà i rifiuti organici originati dalla preparazione dei pasti in compost riutilizzabile dalla cittadinanza locale. Dopo aver preparato i 534 pasti giornalieri, i rifiuti saranno raccolti dal personale della mensa scolastica e conferiti direttamente nella compostiera. Fornita dai partner di Upcycle France, la compostiera ha una capacità massima di 70 kg, ed è in grado di trasformare in compost i rifiuti organici – inclusi gli scarti verdi – nel giro di 2 settimane!

dal piatto al terriccio il giardinone

Gli obiettivi.

Il nostro obiettivo primario è quello di rafforzare le competenze e le conoscenze sulla sostenibilità e food waste attraverso il coinvolgimento dei cittadini, delle future generazioni di consumatori consapevoli e delle amministrazioni comunali. Inoltre, vogliamo realizzare partnership innovative con le aziende private, come Vivenda spa, che hanno un ruolo sempre più attivo nel sostenere e promuovere politiche di sviluppo sostenibile sui territori nei quali operano. 

Dal piatto al terriccio il giardinone

Qualche dato sugli sprechi

In media ogni italiano butta dai 20 ai 25 kg di cibo ogni anno. Buttare via il cibo porta con sé ulteriori problemi: dallo spreco di acqua e energia che servono per produrlo, all’aumento dei rifiuti che poi dovremo smaltire, con un conseguente impatto negativo sull’ambiente e sul cambiamento climatico.

40%

DEI NOSTRI RIFIUTI URBANI SONO SCARTI ALIMENTARI ORGANICI

2024

DIVIETO CONFERIMENTO IN DISCARICA DEI RIFIUTI ORGANICI

2035

ANNO ENTRO CUI I RIFIUTI URBANI ANDRANNO RICICLATI AL 65%

Domande frequenti

Stai cercando maggiori dettagli sul progetto? In questa sezione troverai tutte le informazioni di cui hai bisogno!

I rifiuti saranno raccolti dal personale Vivenda Spa, in seguito alla preparazione e alla somministrazione dei pasti giornalieri per gli alunni della Scuola primaria Don Milani di Locate Triulzi e conferiti direttamente nella compostiera dopo appositi controllo e preparazione.


La compostiera “Demeterra 70”, di produzione francese, ha la capacità di compostare fino a un massimo di 70 kg di rifiuti organici, trasformandoli attraverso un ciclo di 14 giorni in 30 kg di compost. Per maggiori info: https://www.upcycle.org/nos-solutions/composteurs-electro-mecaniques

Il compostaggio di comunità è un modello a metà strada tra il compostaggio su scala industriale e quello domestico. Il limite stabilito in termini di tonnellate di compost è di 130 tonnellate annue.

Non solo una riduzione in bolletta della tassa sui rifiuti fino al 30%, ma anche la diminuzione dei costi legati al trasporto della spazzatura e alla gestione dello smaltimento, la minore quantità di rifiuti nelle discariche e la possibilità di ottenere fertilizzante a costo zero per l’agricoltura.

No! L’intero processo di compostaggio non produce nessun tipo di cattivo odore.

No, il motore fa pochi giri all’ora e il soffiatore è integrato nella carenatura, quindi la compostiera riduce al minimo i rumori.

Rimani aggiornato!

Seguici sui social

Area stampa (presto attiva)

Con il contributo di

ML_FCARIPLO_cmyk__base_100mm_page-0001